Prodotto dalla One2One S.r.l., Armadillo è una pellicola liquida per la Protezione di tutti i tipi di schermo per Smartphone e Tablet

 

Viale Egeo, 61 - Roma Mail: info@121group.it
Image Alt

OneNanoTech Solutions

Display flessibili: il futuro è già qui

Che lo chiamino display flessibile, display pieghevole o schermo pieghevole la sostanza non cambia. Apple, Samsung, Microsoft, Lenovo, Huawei e Sony sono solo alcuni tra i top player tech che si stanno interessando ad una delle tecnologie più promettenti per il futuro.

Sembra ormai certo che già nel 2019 potrebbero arrivare sul mercato i primi smartphone con schermo pieghevole. Il 2013, anno in cui Samsung presentò l’idea del display YOUM è ormai un lontano ricordo. Il primo dispositivo con schermo flessibile comunque non ebbe fortuna: per difficoltà tecniche e rinvii non arrivò sul mercato come promesso e fu sostituito da nuovi prodotti.

Brand alla rincorsa

Voci non ufficiali parlano di un prototipo quasi completo Samsung, il Galaxy X, presentato a porte chiuse ad un gruppo selezionatissimo di investitori al CES di Gennaio, uno dei maggiori eventi mondiali su elettronica e tecnologia di consumo.

Il primo smartphone pieghevole Samsung dovrebbe montare un display da 7.3”. Non è ancora certo quale angolo di piegatura sfrutterà ma con tutta probabilità si piegherà a metà verso l’interno. L’interesse comunque resta altissimo, specie dopo che Koh Dong-jin, presidente dell’area mobile in Samsung Electronics, ha annunciato l’uscita di un Galaxy Note pieghevole per il 2018.

Samsung Galaxy X

Non si fa certo attendere la risposta Apple. L’azienda di Cupertino ha lavorato con LG presentando una richiesta di brevetto per un display che abbia una “porzione flessibile” e che quindi gli permetta di ripiegarsi. Questa notizia accompagna le voci emerse nell’autunno 2017 che davano per certo l’avvio di un team di lavoro dedicato ad un iPhone pieghevole (flex iPhone) con schermo LG con tecnologia OLED.

Ovviamente il fatto di lavorare con LG e non con Samsung, leader mondiale nella fornitura OLED, risponde a delle precise esigenze strategiche per Apple, come avevamo già anticipato in un nostro precedente articolo. Secondo fonti anonime la produzione potrebbe iniziare già nel 2020.

Foldable tablet concept

LG sta collaborando anche con Sony per la fornitura di OLED flessibili, secondo una fonte riportata da BusinessKorea. Il tentativo di Sony a questo punto sarebbe quello di replicare il suo grande successo ottenuto con le TV in ambito smartphone, settore in cui ha qualche difficoltà a tenere il passo con gli altri grandi brand. Lo sviluppo di smartphone con display flessibile potrebbe essere il modo giusto di affrontare questa sfida.

Display flessibili: come funzionano?

Come funziona esattamente uno schermo flessibile? Solitamente sono pannelli che hanno un substrato flessibile di plastica, metallo o vetro flessibile, materiali che li rendono particolarmente sottili, leggeri e molto resistenti. La prima generazione di schermi flessibili in realtà non è stata realmente tale: i pannelli utilizzati erano piegati dai produttori ma arrivavano rigidi come i flat screen ai consumatori finali. Un esempio può essere quello degli schermi curvi.

Diverso è il discorso per la seconda generazione di display flessibili. In questo caso, non appena la tecnologia sarà pronta ad essere utilizzata su scala consumer, potremo aspettarci dispositivi davvero pieghevoli, con infinite possibilità di nuovi design. Tra l’altro, gli OLED possono anche essere usati per pannelli di illuminazione nonostante sembrino concretamente interessati a questa innovazione soltanto LG e Konica Minolta.

Flexible OLED lighting

Il settore della tecnologia e degli smartphone si rivela ancora una volta come uno degli incubatori di innovazione più attivi e interessanti dato che molte tecnologie di cui oggi non possiamo fare a meno sono diventate mainstream dopo essere state introdotte nell’elettronica da consumo.

Mantenersi aggiornati anche sui diversi metodi per proteggere i propri dispositivi resta fondamentale per conservarli in ottime condizioni più a lungo. Il metodo più all’avanguardia? Ne abbiamo parlato in uno dei nostri più recenti articoli: scopri di più sui liquidi di protezione al titanio.